L'Araba Fenice.
Giuseppe Nicola Di Leo
 
 
Iscriviti alla
Newsletter!
Nome e cognome

E-mail


Inviando questa
richiesta autorizzo, ai
sensi del D.L.196/2003,
il trattamento dei dati
personali trasmessi.



Tutta la notte
il fuoco resta acceso in casa
viviamo noi la nostra vita
come fossimo gli interpreti di un film…
…tu dopo l’amore
ti risvegli piano
ti alzi dal divano
e dalla fronte sposti
i tuoi capelli neri con la mano
chiedendomi perdono
vuoi che io
ti porti ancora lontano…
e dopo tutto questo,
che forse è un sogno,
il resto non esiste…
Se siete persone sensibili, se conoscete quel ricco territorio dell’anima che si chiama amore, questo libro ha un messaggio per voi. Dopo il primo esordio “La porta dell’anima” e alcuni anni di silenzio poetico, Giuseppe Nicola Di Leo ha scritto questa nuova appassionante raccolta di poesie “L’Araba Fenice”. La scelta del titolo non è casuale, L’Araba Fenice, leggendario uccello dell’Arabia, rappresenta la leggiadria della poesia dell’autore.
 
Tutte le poesie presenti in questa raccolta assumono le caratteristiche di un rivolo d’acqua che si ingrossa fino a travolgere l’emozione profonda.
 
Il lettore, stanco dei molti libri speculativi, semplicistici, che affollano gli scaffali delle librerie, nel momento in cui si lascia attirare dalla lettura del primo rigo de “L’Araba Fenice” non può più fare a meno di proseguire.
 
L’esprimersi in prima persona fa scattare implacabile il meccanismo di identificazione e di totale assorbimento.
 
L’autore alle prese con la mutevole e affascinante personalità femminile, con i suoi sogni e ricordi, riesce a riportare sulle pagine di questo libro i suoi sentimenti e le sue riflessioni coinvolgendo direttamente chi sta leggendo. Smaliziato e incantevole, il libro ci introduce, con leggerezza, a una difficile arte, quella di saper essere romantici senza perdere l’ironia.
Presentazione della Prof.ssa Michela De Carlo.
Convincermi a pubblicare la raccolta “La porta dell’anima” non fu un’impresa facile da parte dei pochi amici che l’ avevano letto, ma dopo averlo fatto, per me fu una soddisfazione immensa. Era stato come la nascita di un figlio, e giorno dopo giorno ne seguivo le sue evoluzioni. Fu dopo queste soddisfazioni raccolte giorno per giorno che nacque in me la voglia di produrre ancora… ma nulla! Come si dice in genere, non avevo più “l’ispirazione”. Me ne feci una ragione e non ci pensai più. In una notte dell’estate seguente, in una notte rovente dell’estate seguente, come se fossi in delirio, sognai le parole di “Prima che venga sera”, e svegliatomi di colpo le misi nero su bianco. Poi da lì fu un nuovo susseguirsi di emozioni e di parole. “Prima che venga sera” sarebbe dovuto essere il titolo di questa piccola pubblicazione; dico sarebbe perché, come è evidente, negli ultimi giorni di gestazione del lavoro, ho preferito cambiare il titolo in “L’araba Fenice”. Questo titolo è molto meno originale, certo, ma dà, a parer mio, maggiore senso al mio sintetico messaggio, alla mia breve testimonianza: la fine di una fase della vita, come può essere appunto la fine di un amore, non comporta la distruzione di tutto quello che è stato fatto, bensì è il gradino dal quale ripartire, ricominciando da dove si era arrivati per proseguire il cammino, verso un piano superiore.
Nota dell'autore.
Puoi leggere altri brani sul sito www.larabafenice.com.
…Immagini nitide ed evanescenti, sospese nell’indistinto flusso dell’incoscienza… […] Questi “pensieri” sono la continuazione di un discorso aperto precedentemente da "La porta dell’anima". La chiave di lettura ruota intorno al tema del ricordo, che vede la mente imprigionata nel passato. Lo scopo dello scrittore è quello di trasmettere in modo semplice e piacevole scorci della sua vita accentuando le emozioni vissute, colte proprio nel momento in cui, all’approssimarsi del crepuscolo, la mente, libera dal peso quotidiano, si lascia avvolgere dall’onirica atmosfera della memoria. Il lettore rivive questi dolci ricordi, sulle righe poetiche di questa raccolta di pensieri, assaporandone l’intensa e piana malinconia, rapito dalla atmosfera mista di sogno e ricordo, fino al ricordo del sogno…
Presentazione della Prof.ssa Isabella Russo.
 
La porta dell'anima
Dimenticanze
Carne cruda
Evidenti tracce del tuo amore
L'Araba Fenice
Contatti
Riconoscimenti
Dicono di me
PhotoGallery
Poesie
Home
Biografia
© 2010 Tutti i diritti sono riservati e di proprietà dell'autore.
É vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini e contenuti.
LibreriaDiLeo.com
I libri direttamente dallo scrittore al lettore,
da acquistare online con la dedica dell'autore!
Genere
Pagine
Prezzo
ISBN
Clicca sull'immagine per ingrandirla.
Poesia
57
€ 11,90
8890288140
Desideri una dedica dall'autore?
A chi lo dedichiamo?
arabafenice.gif
modalit%E0.jpg banner_laterale_cst.jpg
Menu
Libri